Tourviaggi di gruppo

“Viaggi d’Autore” – Armenia e Georgia, viaggio nel cuore del Caucaso

Dal 9 al 16 SETTEMBRE 2018

 Il Caucaso, per la sua particolare posizione, a cavallo tra Turchia, Iran e la grande Russia, a cui è stato a lungo unito, fino allo scioglimento dell’Unione Sovietica, è una regione speciale, la cui peculiarità viene accentuata dalla sua conformazione geografica in gran parte montuosa.

Una storia estremamente complessa, che ha visto lo scontro tra imperi potenti e tribù nomadi, un crogiolo di popolazioni fiere, di lingua e culture diverse, sono alla base del fascino esercitato da sempre sui viaggiatori da questo territorio non così esteso, ma denso di sollecitazioni.

L’Armenia e la Georgia rappresentano due volti complementari e tutti da scoprire.

La prima, nazione dalla storia e dalla cultura incredibilmente ricche, che affondano le loro radici nella notte dei tempi, oltre alla suggestione dell’architettura religiosa e delle croci votive, alla visione del mitico Monte Ararat, dove si troverebbe l’arca di Noè, è famosa per il grande lago Sevan.

La seconda, il cui territorio si declina in paesaggi incantevoli di grande varietà, mare, montagna e verdissime foreste, ha come capitale Tblisi, città di raro fascino, che vanta una serie di preziosi monumenti dell’arte cristiana: chiese, cattedrali e monasteri.

Ad aggiungere interesse ad un itinerario nel Caucaso sono il tradizionale senso di ospitalità e l’accoglienza calorosa delle sue popolazioni che conservano anche le tradizioni della musica e del vivace folclore locale.

 PROGRAMMA:

9 settembre domenica: MILANO MALPENSA – YEREVAN

Ritrovo dei partecipanti all’aeroporto di Milano Malpensa in tempo utile per le operazioni d’imbarco sul volo Ukraina Airlines per Yerevan via Kiev. Arrivo nella capitale dell’Armenia dopo mezzanotte, trasferimento in hotel e pernottamento.

10 settembre lunedì: YEREVAN – KHOR VIRAP – NORAVANK – YEREVAN

Dopo la prima colazione, partenza verso la regione dell’Ararat e mattinata dedicata alla visita del monastero di Khor Virap, situato in una valle a sud della città, alle cui spalle si erge, maestoso, il monte Ararat. La leggenda vuole che qui San Gregorio, a cui si deve la conversione dell’Armenia, sia rimasto imprigionato per 12 anni in un pozzo perché professava il Cristianesimo. La storia racconta che Gregorio venne estratto dal pozzo dal re Tiridate III nel 303. Pranzo in ristorante.  Proseguimento per la regione di Vayots Dzor con visita al bellissimo monastero di Noravank, che sorge in una spettacolare posizione sul bordo di un precipizio. Nel pomeriggio rientro a Yerevan, cena e pernottamento.

11 settembre martedì: YEREVAN – ETCHMIADZIN – GARNI – GHEGHARD – YEREVAN

Prima colazione. La giornata si apre con la visita al complesso di Etchmiadzin, vero e proprio centro spirituale del Cristianesimo in Armenia, dove visiteremo la Cattedrale, il più antico tempio cristiano del Paese e residenza ufficiale dei Cattolici armeni e le rovine di Zvartnots o Cattedrale degli Angeli Celesti, famosa per le sue bellezze architettoniche. Proseguimento verso la collina di Tsitsernakaberd per la visita al Memoriale ed al museo dedicato alle vittime del genocidio degli Armeni nel 1915. Al termine, partenza per la regione di Kotayk e pranzo al villaggio di Garni, durante il quale si potrà assistere alla preparazione del tipico pane armeno, chiamato “lavash” e cotto in un forno sotterraneo. Nel pomeriggio visita della fortezza ellenistica di Garni, racchiusa all’interno di un muro difensivo alto 300 metri; comprendeva 14 torri ed un’entrata abbellita da un arco. All’interno ci sono le terme romane, costruite per la residenza reale, oggi parzialmente coperte da una moderna struttura. Il tempio ricostruito e dedicato ad Elio, il dio Sole dei Romani, fu edificato dal re armeno Tiridate I nel I secolo. Si prosegue per il monastero di Gheghard, costruito alla base di un canyon ed in parte scavato nella roccia, noto nell’antichità come il monastero “della Lancia Sacra”, nome derivato dalla reliquia che si narra ferì il costato di Gesù. Rientro a Yerevan, cena e pernottamento.

12 settembre mercoledì: YEREVAN – LAGO SEVAN – DILIJAN

Prima colazione. Mattina dedicata alla visita di Yerevan, durante la quale si visiterà l’Istituto dei Manoscritti antichi, dove sono conservati importanti manoscritti di illustri studiosi e scienziati ed i primi libri stampati in Armenia risalenti al XVI secolo. Partenza verso il lago Sevan, “un pezzo di cielo caduto sulle montagne”, posto a 2.000 metri di altezza ed uno dei più vasti laghi di montagna al mondo. Sosta al celebre cimitero medioevale di Noraduz, ricchissimo di preziosi Khachkars, pietre croci che rappresentano una delle manifestazioni più originali della cultura e del costume religioso armeno. Dopo il pranzo in ristorante, visita al Parco nazionale del lago di Sevan. In cima ad una penisola sorge il monastero di Sevanavank, costruito nell’874 per volere della principessa Mariam Bagratuni e che comprende due chiese: Arakelots o chiesa degli Apostoli e Astvatsatsin o chiesa della Santa Madre di Dio. Terminate le visite, partenza per la regione di Tavush, la “Svizzera armena” ed arrivo a Dilijan, dove vedremo la riproduzione delle case della città vecchia. Sistemazione in hotel, cena e pernottamento. 

13 settembre giovedì: DILIJAN – ALAVERDI – TBILISI

Prima colazione. Partenza per la città di Alaverdi, situata nella valle del fiume Debed, nell’Armenia nord-orientale e dove sono presenti numerose miniere di rame. Qui visiteremo il Monastero di Haghpat, costruito tra il X ed il XIII secolo su un bel crinale di una montagna (sito UNESCO) ed il monastero di Akhtala, nascosto tra i boschi e famoso per i suoi meravigliosi e ben conservati affreschi. Dopo il pranzo, proseguimento verso la frontiera armeno/georgiana e disbrigo delle formalità doganali. Incontro con la guida georgiana e proseguimento per Tbilisi. Sistemazione in hotel, cena in ristorante locale e pernottamento.

14 settembre venerdì: TBILISI

Prima colazione. Giornata dedicata alla visita della capitale della Georgia, fondata nel V secolo dal re Vakhtang Gorgasali. La prima sosta è alla chiesa di Metekhi (XIII sec), con la caratteristica pianta a croce, parte del complesso della residenza reale. La visita continua verso la cattedrale di Sioni, risalente al VII sec. e considerata il simbolo della città. Passeggiata nella citta vecchia che si estende fino alla riva del fiume Mtkvari e lungo il percorso, visita della basilica di Anchiskhati (VI sec). Dopo il pranzo in un ristorante tipico, salita al colle per la visita della Fortezza di Narikala (IV sec), una delle fortificazioni più antiche della città. L’accesso alla fortezza avviene tramite seggiovia, mentre la discesa è a piedi. A seguire visita alle Terme Sulfuree con le sue cupole costruite con mattoni a vista. L’ultima visita è riservata al Tesoro del Museo Nazionale della Georgia, dove sono esposti straordinari esempi di filigrana d’oro ed altri manufatti scoperti nei vari siti archeologici. Cena in ristorante locale e pernottamento in hotel.

15 settembre sabato: TBILISI – GORI – UPLISTSIKHE – MTSKHETA – TBILISI

Dopo la prima colazione, partenza per Gori, la città natale di Stalin e visita dell’interessante museo a lui dedicato. Si prosegue per l’antico insediamento rupestre di Uplistsikhe, la città delle caverne, fondata alla fine dell’età del Bronzo, intorno al 1.000 a.C., ma abitata fino al XIII secolo. Grazie alla sua posizione strategica tra l’Asia e l’Europa, la città divenne un importante centro di commerci che, nel momento di massimo sviluppo, contava ben 20.000 abitanti. Dopo il pranzo in ristorante locale, partenza verso Mtskheta, antica capitale della Georgia e centro religioso. Questo luogo, dove si trovano alcune delle chiese più antiche ed importanti del Paese, patrimonio dell’UNESCO, rappresenta il cuore spirituale della Georgia. Visiteremo la chiesa di Jvari (VI – VII sec.), l’antico monastero abitato dai monaci e la cattedrale di Svetitskhoveli, risalente all’XI sec. ed uno dei luoghi più sacri del Paese, dove, secondo la tradizione, sarebbe sepolta la tunica di Cristo. Rientro a Tbilisi, cena in ristorante locale e pernottamento in hotel.

16 settembre domenica: TBILISI – MILANO MALPENSA

Al mattino presto trasferimento in aeroporto ed operazioni d’imbarco sul volo per Milano Malpensa via Kiev.

 QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE                 €  1.400,00

SUPPLEMENTO CAMERA SINGOLA                                 €     280,00

ACCONTO ALL’ATTO DELLA PRENOTAZIONE                €     500,00

La quota comprende:

  • volo a/r in classe economica
  • tasse aeroportuali
  • 1 bagaglio in stiva per persona
  • itinerario come da programma con trattamento di pensione completa
  • sistemazione in camera doppia con bagno in hotel 4*
  • ingressi dove previsti
  • guide parlanti italiano per tutto il tour
  • assicurazione medico/bagaglio
  • borsa da viaggio.

La quota non comprende:

  • mance – bevande – facchinaggi e tutto quanto non indicato alla voce “la quota comprende”.

Possibilità di stipulare la polizza annullamento pari al 2,5% sul totale delle quot

OPERATIVI VOLI PREVISTI

 09 SETTEMBRE        MALPENSA/KIEV                 13.40             17.20

09 SETTEMBRE        KIEV/YEREVAN                    21.40             01.20

 

16 SETTEMBRE        YEREVAN/KIEV                    04.35             06.40

16 SETTEMBRE        KIEV/MALPENSA                10.40             12.30

 

Rif. ” Il Viaggiatore”  – Lecco

3 pensieri su ““Viaggi d’Autore” – Armenia e Georgia, viaggio nel cuore del Caucaso

    1. Gentile signora Canova,
      La ringraziamo per averci contattato.
      Il viaggio di settembre è a partenza garantita, quindi possiamo già confermare la partecipazione.
      Non avremo un nostro accompagnatore Legnone Tours, ma il gruppo partirà con un accompagnatore da Milano.
      E’ necessario il passaporto in corso di validità e non è richiesto il visto.
      Per eventuali maggiori informazioni, le inviamo l’email della nostra filiale di Lecco alla quale potrà far riferimento anche per la prenotazione:

      info@agenziailviaggiatore.com
      Tel. 0341 369321

      Grazie e tanti auguri di Buona Pasqua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *