Tour

Mercatini di Natale – Colmar, Strasburgo e Strada dei Vini

DAL 14 al 16 DICEMBRE – 3 giorni/2 notti

Partenze dalla Valtellina – Colico

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE      € 335,00

Supplemento camera singola € 70,00

Minimo 30 partecipanti

Programma:

Venerdì 14 Dicembre VALTELLINA – ALTO LAGO – COLMAR

Nella prima mattinata partenza in pullman dalla Valtellina verso la Francia via Bellinzona – Passo del San Gottardo – Basilea. Sosta in autogrill per la colazione. Arrivo a Colmar previsto per le ore 13.00.

Pranzo libero e incontro con la guida per la visita di questa piccola città-gioiello, una passeggiata lungo le caratteristiche vie del centro storico tra case medievali, facciate pastello, botteghe artigiane, giardini e cortili segreti. Contesa più volte nel corso dei secoli dalla Francia e dalla vicinissima Germania, è città dalla doppia anima, metà francese e metà tedesca. Tipica città alsaziana, è una delle città più incantevoli d’Europa, soprattutto grazie al suo aspetto urbano tipicamente medievale rimasto intatto, caratterizzato da un susseguirsi di casette colorate a graticcio in pietra o in legno, stradine acciottolate, chiesette gotiche e piccoli ponti che oltrepassano i corsi d’acqua che attraversano il centro storico.

Proprio la presenza del fiume Lauch e di una serie di canali in grado di creare scorci molto suggestivi e tutti da fotografare, Colmar è conosciuta anche col nome di “Piccola Venezia”.

Il pomeriggio prosegue con la visita ai mercatini. Colmar è irresistibile durante tutto l’anno, ma a Natale sembra veramente di essere dentro una fiaba. Le luminarie si fondono armoniosamente con la particolare architettura della città trasformando il centro storico in un vero e proprio teatro all’aperto. Si potrà girovagare tra le bancarelle dei cinque mercatini allestiti, ognuno con la sua propria identità, alla ricerca di un dono per gli amici o custodire come ricordo di una vacanza suggestiva.

In serata, trasferimento in hotel, cena e pernottamento.

 

Sabato 15 Dicembre RIQUEWIHR – RIBEAUVILLE – KAYSERSBERG

Prima colazione in hotel e pranzo libero in corso di escursione.

Incontro con la guida e intera giornata dedicata all’escursione lungo la Strada dei vini alla scoperta di un paesaggio da cartolina attraverso vigneti stretti e lunghi a perdita d’occhio, boschi alle pendici dei Vosgi, castelli arroccati e villaggi colorati.

Si toccherà Riquewihr. Il paese, suggestivo e fiabesco, ha ispirato artisti da ogni parte del mondo, come il celebre Hayao Miyazaki, registra e produttore cinematografico giapponese; i disegnatori della Disney si sono ispirati per il villaggio del cartone animato “La Bella e la Bestia”; il cantautore italiano Cesare Cremonini, nel centro del paese, ha girato il video musicale del brano Maggese. Il Villaggio di poco più di 1.200 abitanti, è talmente bello che sembra uscito da un racconto di Natale ed è inserito nella lista dei paesi più belli della Francia. Appena si superano le sue porte, camminando per le stradine del centro, sarete subito conquistati dal suo fascino, soprattutto quello dei colori: muri ocra, rosa, rossi e blu. Anche l’architettura del luogo vi saprà conquistare con le sue belle case in legno con travi a vista e in pietra calcarea, edifici classificati come monumenti storici. E’ un ritorno al XVI secolo, periodo durante il quale questa città fortificata, ad una decina di km da Colmar, costruì la propria fama e prosperità sulla cultura e il commercio del vino.

Riquewihr è particolarmente suggestivo a Natale, quando con le luminarie si trasforma in una piccola meraviglia.

Momento di relax durante la visita alla cantina Cathy Rentz, dove si potranno degustare i “grandi bianchi” famosi in tutto il mondo. Si dice che l’uva sia l’oro dell’Alsazia, una delle regioni vinicole più antiche di Francia che gode di due fattori fondamentali: piovosità assai scarsa e ore di sole numerose. I vitigni coltivati sono sette: il Riesling, forse il più conosciuto, il Pinot gris, una volta noto come Tokay, il Gewürztraminer e lo splendido e meno diffuso Muscat d’Alsace sono i più significativi. A questi vanno aggiunti: il Pinot blanc, delicato e fresco, il Sylvaner, leggero e molto profumato e il Pinot noir, l’unico rosso d’Alsazia, che in questa regione, come nella Loira, si serve freddo.

Dopo un simpatico assaggio e gli eventuali acquisti di vino a ottimi prezzi si riprende il viaggio verso Ribeauville, la “città dei menestrelli”, borgo dal volto medievale con tre castelli, torri e bastioni, che ospita circa 5.000 abitanti. Ogni angolo vi incanterà e vi consigliamo di perdervi fra le vie pittoresche alla ricerca di scorci da fotografare, come una veduta della seicentesca Pfifferhus, la casa dei menestrelli, che sembra uscita da una favola dei fratelli Grimm! I mercatini natalizi qui sono a tema medievale e il centro è animato da un tripudio di alberi di Natale ed è adornato da stemmi e stendardi. Numerose le esibizioni di giocolieri e di mangiatori di fuoco, di dame e cavalieri.

L’itinerario del viaggio prosegue verso Kaysersberg, un borgo con poco più di 2.700 abitanti, immerso tra i vigneti, attraversato dall’incantevole fiume Weiss e dominato dalle rovine dell’antico castello.

Nel 2017 i francesi l’hanno votato come villaggio preferito. Il merito va alle sue stradine lastricate, alle sue casette in legno, a tutti quei dettagli da cartolina che gli regalano un’aria fiabesca. E, in effetti, a passeggiare per le sue strade sembra di tornare indietro nel tempo. Il suo nome significa “collina dell’imperatore”: un tempo era abitudine infatti dei regnanti possedere almeno un paese e questo venne acquistato da Federico II di Svevia nel XIII secolo.

Gironzolando per i vicoli del centro fino al favoloso ponte fortificato che taglia in due il fiume, tra una foto ed un’altra, si arriva sulla Grande Rue dove ci aspettano botteghe artigianali, casette illuminate, palline colorate e il profumo di dolci speziati e caldarroste.

Nel tardo pomeriggio si riprende il pullman per rientrare in albergo. Cena e pernottamento.

Domenica 16 Dicembre STRASBURGO e viaggio di rientro

Prima colazione in hotel. Trasferimento a Strasburgo, incontro con la guida e visita alla città.

La mattinata permetterà un giro orientativo della città e a seguire tempo libero da dedicare ai mercatini e per il pranzo libero.

Crocevia d’Europa, meta “logistica” per quanto riguarda gli interessi politici ed umanitari internazionali, Strasburgo è un perfetto mix tra due culture, quella tedesca e quella francese, che nel corso dei secoli si sono contese la sua “proprietà”. La meravigliosa città rimane nei cuori dei suoi visitatori per le sue due anime: quella cosmopolita e moderna, che gravita intorno al Parlamento Europeo e quella pittoresca e antica che si concentra nel cuore della città vecchia, affacciata sui canali e ricca di storia. La magnifica cattedrale di Notre Dame, una delle chiese più famose dell’intera Francia, vale da sola il viaggio. Per renderla così imponente ed affascinante sono occorsi ben 8 secoli, partendo dalla costruzione, nel 1015, su alcuni resti di un tempio dedicato ad Ercole. L’edificio religioso, a cui la sua guglia regala un’altezza di ben 142 metri, è ugualmente suggestivo all’interno, così come all’esterno. La facciata, con il suo portone scolpito, è una sorta di Bibbia raffigurante diversi episodi della vita di Gesù. Gli interni della cattedrale, invece, caratterizzati da un arredamento semplice e sobrio, cattura l’interesse dei visitatori grazie a tre “micro-attrazioni“: le vetrate colorate, l’Orologio Astronomico e il Pilastro degli Angeli.

Il mercatino di Strasburgo è considerato da molti il più antico d’Europa (in lizza con Dresda e Norimberga). I documenti più antichi lo datano avvento del 1570! Le vie e le strade sono invase da colori e profumi, decorazioni e spezie, dolci e addobbi. Su tutti la fanno da padrone gli addobbi per l’Albero di Natale: pare che la tradizione di decorare gli alberi sia proprio originaria dell’Alsazia. Cronache del 1605 raccontano, infatti, dell’abitudine di decorare gli abeti con dolci, mele o fiori di carta. Le centinaia di artigiani di talento presenti presso i mercatini offrono la possibilità di scoprire una miriade di prodotti insoliti.  Da non perdere il Mercatino degli “indomabili piccoli produttori alsaziani”: è possibile incontrare i fornai di Strasburgo, i viticoltori della corona d’oro e del vino Tribu gourmet dell’Alsazia, i produttori di foie gras delle fattorie alsaziane e la società di birrifici artigianali.

A tempo scaduto ci si ritrova al pullman ed inizia il viaggio di rientro in Valtellina.

Soste lungo il tragitto e  arrivo previsto per la tarda serata.

 

Documenti di viaggio: carta d’identità in corso di validità senza timbro di proroga.

Per motivi tecnico-organizzativi l’ordine delle visite e delle escursioni potrebbe variare senza modificarne i contenuti.

 

Rif. Perego

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *